item12

Il pane della dea Demetra!

Nell’antica Grecia il pane rivestì un ruolo molto importante nell’alimentazione, tanto da essere oggetto di culto, rappresentato da una divinità femminile, la dea Demetra.

Demetra, “Madre terra” o forse “Madre dispensatrice”, nella mitologia greca è la “dea del pane”, del grano e dell’ agricoltura, costante nutrice della gioventù e della terra verde, artefice del ciclo delle stagioni, della vita e della morte, protettrice del matrimonio e delle leggi sacre. Demetra donò all’uomo la conoscenza delle tecniche agricole: la semina, l’aratura, la mietitura e le altre correlate.

Alle origini il pane greco era una focaccia bassa, piatta e molto simile al pane pita (oggi è il pane più diffuso e conosciuto in Grecia) fatto solo dalle donne con farina di orzo e mangiato soprattutto dalle classi sociali povere. Con il tempo la professione si estese anche agli uomini che diventarono bravi e abili nella manualità del mestiere.

Proprio questi furono i primi fornai ad impastare acqua e farina durante la notte, per far trovare così all’alba il pane sempre fresco, fragrante, caldo, profumato e croccante al popolo greco.